alert-erroralert-infoalert-successalert-warningbroken-imagecheckmarkcontact-emailcontact-phonecustomizationforbiddenlockedpersonalisation-flagpersonalizationrating-activerating-inactivesize-guidetooltipusp-checkmarkIcons/Communication/USP/Cash-deliveryIcons/Communication/USP/Delivery-eveningIcons/Communication/USP/Delivery-same-dayIcons/Communication/USP/Delivery-storeusp-deliveryIcons/Communication/USP/Exchangeusp-free-returnsIcons/Communication/USP/Gift-cardIcons/Communication/USP/KlarnaIcons/Communication/USP/Salearrow-backarrow-downarrow-left-longarrow-leftarrow-right-longarrow-rightarrow-upbag-activebag-inactivecalendar-activecalendar-inactivechatcheckbox-checkmarkcheckmark-fullclipboardclosecross-smalldownloaddropdowneditexpandhamburgerhide-activehide-inactivelocate-targetlockminusnotification-activenotification-inactivepause-shadowpausepin-smallpinplay-shadowplayplusprofilereloadsearchsharewishlist-activewishlist-inactivezoom-outzoomfacebookgoogleinstagram-filledinstagrammessenger-blackmessenger-colorpinterestruntastictwittervkwhatsappyahooyoutube
adidas
adidas / giugno 2020
Huelo Dunn-Estébanez

PRIDE 2020: DI FRONTE ALLE AVVERSITÀ, L'AMORE CI UNISCE TUTTI

Da oltre cinquant'anni, la celebrazione del Pride rappresenta per tutte le comunità LGBTQ+ una dimostrazione di amore e solidarietà contro l'omofobia e l'oppressione.

Quest'anno la celebrazione del Pride assume un significato ancora più importante in quanto coincide con un movimento globale a favore dei diritti umani e con una pandemia. Per le persone di colore della community LGBTQ+, la lotta per i propri diritti è sempre stata legata a quella contro il razzismo sistematico. Vogliamo cogliere questa opportunità per esprimere la nostra solidarietà verso le vittime di ogni forma di discriminazione, unendoci alla lotta per la giustizia. Alcuni componenti della community LGBTQ+ adidas si sono riuniti virtualmente per celebrare il Pride e condividere storie su come l'amore ci renda tutti più vicini.

Il mese del Pride è molto importante per me perché mi permette di onorare i miei antenati e coloro che hanno lottato per difendere il mio diritto di essere semplicemente me stessa, senza compromessi.

-Quinn Edlin, poetessa slam e attivista
 
 
1_BlogImage_QuinnEdlin

adidas crede fermamente che l'amore ci unisca tutti.

Il Pride 2020 celebra proprio l'amore che unisce e rafforza la comunità LGBTQ+, specialmente in questo periodo difficile. Vogliamo combattere la marginalizzazione storica che la comunità BIPOC (Black, Indigenous and People of Color) ha dovuto affrontare, anche all'interno del movimento LGBTQ+. Insieme ai nostri partner Athlete Ally e Stonewall, ci impegniamo ad amplificare le voci delle persone di colore della comunità LGBTQ+.

Durante il mese del Pride, abbiamo coinvolto atleti e attivisti LGBTQ+, organizzazioni partner e altri soggetti per condividere storie reali di ispirazione, solidarietà e autoespressione.

Ci stiamo connettendo in modi nuovi, attraverso videochiamate e strumenti come FaceTime, eliminando barriere e confini per riunire gli atleti e gli ambassador adidas di tutto il mondo.

L'ultima cosa che voglio fare è limitarmi accettando una definizione. Mi piacerebbe che da questa serie di eventi sfortunati le persone potessero imparare che è inutile tentare di adeguarsi a sistemi obsoleti, che non hanno più alcun valore.

-Tarik Carroll, fondatore di EveryMAN Project

2_BlogImage_Tarik

LOTTIAMO INSIEME, ANCHE QUANDO SIAMO LONTANI

Ally in inglese è un verbo. Per noi rappresenta la scelta consapevole di esporsi in prima persona per gli altri, ascoltando sempre le comunità che ci impegniamo a difendere. Significa intervenire in ogni momento, ad esempio interrompendo conversazioni che utilizzano un linguaggio omofobo e stereotipi di genere. È fondamentale assumere un ruolo attivo nel sostenere le community e nel dare maggior rilievo alle loro attività.

-Layshia Clarendon, giocatrice di basket nei New York Liberty, WNBA. Fotografata con la moglie Jessica.

3_BlogImage_Layshia

Per chi affronta l'omofobia e altre forme di discriminazione, il Pride è iniziato come un atto d'amore incondizionato. Ora, 51 anni dopo le rivolte di Stonewall, la community LGBTQ+ continua a combattere la disuguaglianza e ad affrontare nuove sfide. Ma l'attuale pandemia sta cambiando il modo in cui ci relazioniamo agli altri. Chiusure, distanziamento sociale e isolamento possono avere effetti negativi soprattutto nelle comunità omosessuali, molte delle quali erano già relegate ai margini o ignorate prima di questa crisi.

Il Pride 2020 condivide gli ideali del movimento per la giustizia sociale e razziale, espressi nella recente ondata di manifestazioni di massa in tutti gli Stati Uniti e non solo. Le voci che abbiamo raccolto rappresentano solo un campione delle persone costrette ad affrontare la sovrapposizione di razzismo, omofobia e oppressioni di ogni tipo.

Nel cinquantunesimo anniversario delle rivolte di Stonewall, il percorso davanti a noi è ancora molto lungo e per la comunità LGBTQ+ ci sono nuove questioni da affrontare. Anche se quest'anno le celebrazioni per il Pride saranno leggermente diverse, l'amore rimane sempre al centro di tutto.

Quando penso al Pride, penso al Black Pride. Vivendo in un mondo e in un momento in cui così tante identità vengono messe in discussione, censurate e cancellate, dobbiamo trovare la forza di unirci e difendere reciprocamente i nostri diritti, senza scendere a compromessi che limitino la nostra libertà di espressione, indipendentemente dall'etnia e dall'orientamento sessuale. Per me il Pride è proprio questo.

-Kai-Isaiah Jamal, artista e attivista.

4_BlogImage_Kai

Celebriamo il Pride amplificando le voci di tutti i componenti della comunità LGBTQ+ nel mondo dello sport. Onoriamo tutti coloro che, prima di noi, si sono sacrificati e hanno lottato affinché le generazioni future potessero vivere più apertamente e liberamente. Promuoviamo la speranza di vivere in una comunità più sicura e inclusiva per le persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer e per chiunque rifiuti le definizioni di genere.

#LoveUnites è lo spazio dove condivideremo storie provenienti da tutte le componenti della comunità LGBTQ+, per sottolineare la diversità di identità e di voci che l'amore unisce.

Il Pride è ancora il luogo sicuro dove essere veramente se stessi, anche se questa volta si tiene in un ambiente virtuale.

-Madonna Cacciatore, Executive Director of the LA Pride Festival and Parade. Fotografata con sua moglie, Robin. 

5_BlogImage_Madonna

IL PRIDE E LO SPORT

Lo sport è lo strumento ideale per avvicinare e unire le persone indipendentemente dall'orientamento sessuale, dall'etnia, dal colore della pelle e dal sesso.

-Ashlyn Harris, calciatrice degli Orlando Pride, NWSL. 

6_BlogImage_Ashlyn

Oggi più che mai, ci impegniamo ad aumentare la visibilità e l'accettazione della comunità queer nel mondo dello sport e a migliorare l'accesso alle discipline sportive e al mondo del fitness per le persone LGBTQ+ di ogni età, orientamento e abilità. Sebbene lo sport possa essere un collante sociale, gli atleti e le persone della community LGBTQ+ devono ancora affrontare discriminazioni e trovano molte difficoltà ad ottenere accesso e accettazione all'interno delle comunità sportive.

Spero che un ragazzino che si sta avvicinando al mondo dei tuffi, e che potrebbe sentirsi leggermente diverso ed emarginato, veda in me la prova che è possibile diventare uno dei migliori tuffatori al mondo anche senza scendere a compromessi. Le tue scelte non devono compromettere le tue performance sportive.

Tom Daley, tuffatore Olimpico

7_BlogImage_TomDaley

Siamo onorati di sostenere i gruppi e le organizzazioni che promuovono l'uguaglianza, l'accettazione e la rappresentazione delle persone LGBTQ+, in particolare quelle provenienti dalle comunità BIPOC, nello sport. Scopri le nostre partnership: 

Stonewall UK: è il principale ente benefico britannico rivolto a lesbiche, gay, bisessuali e transessuali. Promuove le pari opportunità in tutte le comunità, inclusi il mondo dello sport e del fitness. Scopri di più su Stonewall e sulle strategie per rendere le comunità sportive più sicure e più inclusive. 

Athlete Ally: una delle più importanti organizzazioni non profit inglesi, in prima linea nel promuovere l'uguaglianza della comunità LGBTQ+ nel mondo dello sport. Athlete Ally crede che lo sport cambierà il mondo quando sarà in grado di accogliere e coinvolgere tutte le persone. Siamo orgogliosi di sostenere i loro sforzi per educare partner e istituzioni a costruire una cultura più inclusiva all'interno delle rispettive comunità sportive.

Il mio ruolo di ambassador dei diritti LGBTQ+ non si concentra solo su questo ma si estende anche all'uguaglianza sociale e all'equa retribuzione per le donne e le minoranze. Il mio compito è quello di continuare a lottare per i diritti di tutte le persone, non solo di quelle che condividono alcune mie caratteristiche.

-Ashlyn Harris, calciatrice degli Orlando Pride, NWSL.


LA COLLEZIONE ADIDAS PRIDE

Ci hanno insegnato per così tanto tempo che gli uomini possono solo indossare certe cose, e le donne possono solo indossarne altre, e sono arrivato al punto di gettare tutte le regole fuori dalla finestra. È a questo punto che ho iniziato ad essere veramente me stesso.

- Tarik Carroll, fondatore di EveryMAN Project

La collezione adidas Pride celebra l'autoespressione in molte forme. Dentro e fuori dal campo, il nostro stile personale è uno dei modi in cui ci esprimiamo. Crediamo che celebrare l'inclusività significhi offrire a tutti i gruppi che compongono la community LGBTQ+ l'opportunità di far sentire la propria voce. La collezione di quest'anno celebra il Pride con più di un semplice arcobaleno, introducendo un nuovo logo che include i colori di un'ampia gamma di bandiere LGBTQ+.

Speriamo che, anche grazie al nostro contributo, tutto questo possa provocare un cambiamento positivo nella coscienza collettiva e che il Pride del prossimo anno si possa svolgere in un mondo più radioso e leggero, all'insegna dell'accettazione.

- Tarik Carroll, fondatore di EveryMAN Project. 

Ti invitiamo a celebrare il Pride con noi, nel modo che ti fa sentire più sentire connesso, gioioso e orgoglioso. Segui adidas sui social media per condividere le tue esperienze e per scoprire le storie e gli interventi della nostra community Pride. #LoveUnites 

adidas / giugno 2020
Huelo Dunn-Estébanez