alert-erroralert-infoalert-successalert-warningbroken-imagecheckmarkcontact-emailcontact-phonecustomizationforbiddenlockedpersonalisation-flagpersonalizationrating-activerating-inactivesize-guidetooltipusp-checkmarkIcons/Communication/USP/Cash-deliveryIcons/Communication/USP/Delivery-eveningIcons/Communication/USP/Delivery-same-dayIcons/Communication/USP/Delivery-storeusp-deliveryIcons/Communication/USP/Exchangeusp-free-returnsIcons/Communication/USP/Gift-cardIcons/Communication/USP/KlarnaIcons/Communication/USP/Salearrow-backarrow-downarrow-left-longarrow-leftarrow-right-longarrow-rightarrow-upbag-activebag-inactivecalendar-activecalendar-inactivechatcheckbox-checkmarkcheckmark-fullclipboardclosecross-smalldownloaddropdowneditexpandhamburgerhide-activehide-inactivelocate-targetlockminusnotification-activenotification-inactivepause-shadowpausepin-smallpinplay-shadowplayplusprofilereloadsearchsharewishlist-activewishlist-inactivezoom-outzoomfacebookgoogleinstagram-filledinstagrammessenger-blackmessenger-colorpinterestruntastictwittervkwhatsappyahooyoutube
adidas
adidas / giugno 2020

Alexander Zverev: forza mentale e mindfulness

La star del tennis ci parla di come gestire gli alti e bassi della vita e di come la forza mentale lo aiuti a raggiungere il suo grande obiettivo: diventare il miglior tennista del mondo.

Nonostante la sua giovane età, la vita e la carriera di Alexander Zverev sono ricche di esperienze. È stato il secondo giocatore più giovane di sempre ad entrare nella ATP Top 10, ha trionfato alle ATP Finals all'età di 21 anni e, per alcuni anni, la sua ascesa non ha conosciuto ostacoli. Ma poi ha dovuto rendersi conto che la vita non è sempre così semplice e che per arrivare al top un talento eccezionale e un grande servizio possono non bastare.

La forza mentale è tutto...

Credo che per ogni atleta professionista, ma soprattutto per un tennista come me, la forza mentale sia la chiave. Quando scendi in campo, sei da solo. A differenza degli sport di squadra, puoi contare solo su te stesso, quindi senza la giusta mentalità non hai nessuna possibilità.

Ho avuto molto successo sin da giovanissimo. Ho raggiunto la mia prima semifinale ATP 500 nella mia città natale di Amburgo all'età di 17 anni, ho vinto il mio primo Master 1000 a 20 anni e le ATP Finals a 21. Ma poi nel 2019, ho improvvisamente incontrato delle difficoltà. Ho avuto molti problemi nella mia vita personale e non sapevo come affrontarli. Mentalmente è stato molto difficile, perché non mi ero mai trovato in una situazione del genere. Ero abituato a progredire continuamente, a salire nella classifica e migliorare.. ma non è sempre così che va la vita.

Imparare a gestire le proprie aspettative...
brand-ss20-hometeam-mindfulness-alexanderzverev-blog-image-1

Il 2020 è iniziato male. Durante il primo torneo, l'ATP Cup, ero già esausto. Non mi sentivo bene, i problemi al servizio che avevo nel 2019 sono tornati e ho perso tutte e tre le partite. Non ho avuto alcuna possibilità di vincere nessuno di quei match. Non ero il giocatore che volevo essere.

Subito dopo sono andato all'Australian Open senza aspettative. Non pensavo di arrivare ai quarti o alle semifinali, sapevo di dover solo pensare alla prossima partita. L'aspetto positivo di questa situazione è stata che mi ha reso molto rilassato.

Gioco al meglio quando non sento la pressione e partecipo a un torneo senza troppe aspettative.

Ad ogni partita ho iniziato a giocare sempre meglio e sono arrivato ai quarti di finale senza perdere un set, ma poi le aspettative sono tornate molto alte. Ho perso il primo set 6-1 in 20 minuti. Lentamente sono entrato in partita e ho vinto i successivi tre set, raggiungendo le semifinali di un Grande Slam per la prima volta nella mia vita.

In breve: nella partita successiva ho perso contro Dominic Thiem ma ho capito che nonostante la sconfitta il torneo per me era stato un successo. Ho imparato moltissimo su me stesso e sugli aspetti mentali del gioco.

Lavora su te stesso durante i momenti positivi, non solo quando le cose vanno male...

Nella vita di un atleta professionista, capita di passare velocemente da successi incredibili a periodi davvero neri. Puoi vincere il tuo torneo più importante un anno e avere il periodo peggiore della tua carriera l'anno successivo. È semplicemente così.

Entrare in una spirale negativa è l'errore più grande che puoi fare. Non devi cercare di valutare tutto quando sei in difficoltà, ma devi trovare il modo di migliorare quando sei al top.

Ripensando a quando ero il numero tre al mondo, avrei dovuto dare il massimo per cercare di migliorarmi proprio in quel momento. È facile cambiare quando si è in preda al panico, ma il momento migliore per migliorare è quando si ha successo, quando sei libero dallo stress e hai una mentalità positiva.

Nei momenti di difficoltà, affidati alle persone che ti sono davvero vicine...

La pressione è una cosa complicata e ti opprime nei momenti più insoliti. Quando accade, fai un passo indietro e trascorri del tempo con i tuoi amici o la tua famiglia.

Per me, la famiglia è tutto. Se sono diventato il tennista che sono oggi, lo devo proprio a loro. I miei genitori si trasferirono dall'Unione Sovietica alla Germania nel 1991, un paese di cui non parlavano la lingua, dove non conoscevano nessuno e quindi hanno dovuto iniziare completamente da zero.

Entrambi hanno lavorato molto duramente e hanno insegnato a me e a mio fratello tutto quello che sappiamo. Questo mi fa apprezzare molto di più tutto ciò che ho adesso. Mi hanno permesso di diventare la persona che sono oggi. So chi sono. Sono Alexander Zverev, e so che un giorno sarò il miglior giocatore del mondo.

adidas / giugno 2020