alert-erroralert-infoalert-successalert-warningbroken-imagecheckmarkcontact-emailcontact-phonecustomizationforbiddenlockedpersonalisation-flagpersonalizationrating-activerating-inactivesize-guidetooltipusp-checkmarkIcons/Communication/USP/Cash-deliveryIcons/Communication/USP/Delivery-eveningIcons/Communication/USP/Delivery-same-dayIcons/Communication/USP/Delivery-storeusp-deliveryIcons/Communication/USP/Exchangeusp-free-returnsIcons/Communication/USP/Gift-cardIcons/Communication/USP/KlarnaIcons/Communication/USP/Salearrow-backarrow-downarrow-left-longarrow-leftarrow-right-longarrow-rightarrow-upbag-activebag-inactivecalendar-activecalendar-inactivechatcheckbox-checkmarkcheckmark-fullclipboardclosecross-smalldownloaddropdowneditexpandhamburgerhide-activehide-inactivelocate-targetlockminusnotification-activenotification-inactivepause-shadowpausepin-smallpinplay-shadowplayplusprofilereloadsearchsharewishlist-activewishlist-inactivezoom-outzoomfacebookgoogleinstagram-filledinstagrammessenger-blackmessenger-colorpinterestruntastictwittervkwhatsappyahooyoutube
adidas
adidas / settembre 2019

PREPARATI A DARE IL MASSIMO. A SPINGERTI OLTRE. A SUPERARE I TUOI LIMITI. LA TUA PROSSIMA SFIDA INIZIA QUI.

La stagione delle gare è alle porte. Dopo tutto il lavoro fatto, è essenziale mantenere il ritmo della propria routine. Natasha svela come riesce a rimanere motivata anche nelle ultime fasi della preparazione.

INCONTRIAMO NATASHA

Natasha è un'ex atleta diventata fitness model, nota in tutto il mondo per l'autenticità e la grinta che mette nel suo lavoro. Abbiamo parlato di running e le abbiamo chiesto qualche consiglio per affrontare al meglio gli ostacoli finali del training pre-gara.

COME SI FA A TROVARE LA MOTIVAZIONE GIUSTA ANCHE QUANDO NON SI AVREBBE VOGLIA DI ALLENARSI?

L'eterno dilemma! Anni fa un amico mi ha detto: “Allenarsi è come lavarsi i denti: non si esce mai di casa senza averlo fatto". Dobbiamo avere lo stesso atteggiamento nei confronti del fitness. Deve diventare una parte talmente essenziale del nostro stile di vita da non essere più qualcosa per cui occorre ritagliarsi del tempo, bensì qualcosa che non ci sogneremmo mai di non fare.

Bisogna capire in quale parte della giornata si è fisicamente più energici, efficienti e motivati. Per me è il mattino. Il mio motto è “FALLO ENTRO LE 10”, perché so che se non mi alleno subito al mattino, prima che inizi la mia giornata con i mille impegni di lavoro, le incombenze, i piccoli drammi quotidiani, la fame e gli imprevisti della vita, non lo faccio più.


training-fw19-bras-and-tights-story-page-image-portrait-sep

Soprattutto, ricordo a me stessa che non ho mai rimpianto la decisione di allenarmi. La parte più difficile non è il workout in sé, è uscire di casa. Per fare in modo di non trovare scuse, è importante portare SEMPRE con sé un set di abbigliamento fitness e, anziché alla fatica che richiede l'allenamento, pensare al risultato. Concentrarsi sull'orgoglio e sulla soddisfazione che si prova alla fine di ogni workout.

Ed essere in sintonia con se stessi. Io lo chiamo allenamento interiore. Anche se ho una serie di routine che alterno, verifico sempre quali sono le mie esigenze mentali ed emotive prima di iniziare. Mi sento felice? Triste? Ansiosa? Piena di energia? I diversi esercizi allenano diversi aspetti del nostro cervello e delle nostre emozioni. Per questo domandarsi "Di che cosa ho bisogno oggi?" e scegliere il workout (running, yoga, pesi, boxe, spinning...) che meglio soddisfa le nostre esigenze a livello emotivo fa la DIFFERENZA! Non c'è niente di peggio che terminare un allenamento con la sensazione di non averne tratto alcun BENEFICIO. Nella mia esperienza, questo avviene quando eseguiamo la routine "programmata" e non quella che il nostro corpo e la nostra mente ci "chiedono".

Quindi, il mio consiglio è di essere flessibili e sapersi ascoltare. Quando eseguiamo un workout in linea con ciò che il nostro corpo e la nostra mente richiedono in quel momento, non ci sentiamo sotto pressione, VOGLIAMO farlo perché è terapeutico, un sollievo più che un obbligo.

training-fw19-bras-and-tights-story-page-image-landscape-1-sep

Amo correre perché libera la mente, permette di pensare senza distrazioni e stabilire una connessione più autentica con il mondo intorno a noi. Consente di respirarlo, vederlo e sentirlo sotto ai propri piedi.


HAI UN METODO O DEGLI ESERCIZI SPECIALI?

Generalmente la mia routine prevede un mix di sprint e corsa su lunga distanza per allenare in modo equilibrato le mie fibre muscolari a contrazione lenta e veloce. Nei giorni in cui mi concentro maggiormente sullo sprint, mi riscaldo con un paio di esercizi mirati per risvegliare i muscoli esplosivi. Un riscaldamento semplice e veloce da eseguire prima di OGNI corsa, ma soprattutto prima di un allenamento sulla velocità, è una combinazione di high knees, butt kicks e affondi. Faccio tre ripetute in rapida sequenza, andando avanti e indietro per 30-40 metri. Questo attiva glutei, zona core, fianchi, fascia tendinea del poplite, quadricipiti e polpacci, che devono essere TUTTI reattivi per evitare infortuni e dare il meglio nella corse più veloci. E non bisogna mai trascurare lo stretching, anche veloce, prima e dopo l'allenamento. Non solo le prestazioni saranno migliori, il recupero sarà più rapido.



training-fw19-bras-and-tights-story-page-image-landscape-2-sep

Penso che il segreto per mantenere alto l'entusiasmo in ogni routine sia essere curiosi. E se girassi a sinistra anziché a destra? Dove porta questa strada? Vediamo se stavolta riesco ad andare più forte! E se alternassi un isolato di sprint e uno di jogging?


COME FAI A RENDERE STIMOLANTE OGNI WORKOUT, A INSERIRE UN ELEMENTO DI NOVITÀ NELLA ROUTINE?

Penso che il segreto per mantenere alto l'entusiasmo in ogni routine sia essere curiosi. E se girassi a sinistra anziché a destra? Dove porta questa strada? Vediamo se stavolta riesco ad andare più forte! E se alternassi un isolato di sprint e uno di jogging? Magari oggi mi concentrerò più sulla zona core, o sulla forma...

Una delle sfide più ardue che mi impongo è correre senza auricolari. La prima volta non è stata una scelta volontaria; mi trovavo in viaggio e li avevo dimenticati. All'inizio ero preoccupata, cosa mi avrebbe distratto dalla fatica? In realtà si è rivelata un'esperienza sorprendente. Invece di distrarmi, mi sono concentrata sulla respirazione, un po' come in una sessione di yoga. Ho ascoltato il mio respiro e seguito il suo ritmo. Ho iniziato ad ascoltare il canto degli uccelli, il vento tra gli alberi. Era come se le mie percezioni sensoriali fossero amplificate. A distrarmi era il mondo circostante anziché una playlist. Sicuramente non è stato facile come con la musica, ma molto più appagante.


COME TI SEI TROVATA CON IL REGGISENO STRONGER FOR IT?

Ciò che mi piace di questo reggiseno è il fatto che sostiene senza stringere ed è realizzato in un tessuto morbidissimo ma resistente. Adoro le spalline regolabili con design incrociato che non scivolano durante la corsa, il mio peggiore incubo.
ACQUISTA IL REGGISENO STRONGER FOR IT



E CHE COSA NE PENSI DEI TIGHT HOW WE DO?

Questi tight vestono come una seconda pelle. Offrono una compressione ideale nei punti chiave ma senza rinunciare al comfort, per una libertà di movimento ottimale.
ACQUISTA I TIGHT HOW WE DO

adidas / settembre 2019