alert-erroralert-infoalert-successalert-warningbroken-imagecheckmarkcontact-emailcontact-phonecustomizationforbiddenlockedpersonalisation-flagpersonalizationrating-activerating-inactivesize-guidetooltipusp-checkmarkusp-delivery-cashusp-delivery-delayusp-delivery-eveningusp-delivery-same-dayusp-delivery-storeusp-deliveryusp-exchangeusp-free-returnsusp-gift-cardusp-klarnausp-salearrow-backarrow-downarrow-left-longarrow-leftarrow-right-longarrow-rightarrow-upbag-activebag-inactivecalendar-activecalendar-inactivechatcheckbox-checkmarkcheckmark-fullclipboardclosecross-smalldownloaddropdowneditexternal-linkfilterfullscreenhamburgerhd-filledhd-outlinehide-activehide-inactivelocate-targetlockminusnotification-activenotification-inactivepause-outlinepin-smallpinplay-filledplay-outlineplusprofilereloadsd-filledsd-outlinesearchsharesound-off-filledsound-off-outlinesound-on-filledsound-on-outlinesubtitles-cc-filledsubtitles-cc-outlinesubtitles-filledsubtitles-outlinewishlist-activewishlist-inactivezoom-outzoomfacebookgoogleinstagram-filledinstagrammessengerpinterestruntastictiktok-defaulttiktoktwittervkwhatsappyahooyoutube
adidas / dicembre 2023

Tornando a casa: la nascita di Clot e l’evoluzione di Edison Chen

Edison Chen è un ponte. Un ponte tra Oriente e Occidente, tra culture e creativi. Un ponte tra il passato e il presente, tra il presente e il futuro, tra idee e realtà, tra sfide e opportunità. Edison Chen sta ridefinendo una generazione. Lo abbiamo incontrato in Giappone, appena sbarcato dal suo volo, tra un viaggio e l'altro in Cina. Uno spostamento in auto ci ha dato l'occasione di parlare con EDC delle sue origini, dell'evoluzione e dell'espressione della cultura giovanile cinese, della sua estetica recentemente perfezionata e dello streetwear.


1-1-Edison-Chen-TopCreator-Editorial-Carousel-Image


1-2-Edison-Chen-TopCreator-Editorial-Carousel-Image

1-3-Edison-Chen-TopCreator-Editorial-Carousel-Image


"Il modo più semplice per iniziare a rompere questo guscio è trovare il proprio spazio nella moda, perché si può dire qualcosa senza dire nulla".

Sei appena arrivato a Tokyo da Shanghai dove si è tenuta l'imponente inaugurazione del museo per la celebrazione dei vent'anni di CLOT. Sei ormai un'icona in questi grandi eventi. Sei tornato a indossare le sneaker adidas... ma se dovessimo ripercorrere un po' la tua storia per i meno esperti, da dove arrivi e dove risiedi ora?

Sono nato a Vancouver (Canada). Sono cresciuto in un ambiente molto semplice. Andavo in bicicletta con le mie sorelle al minimarket e compravo caramelle da cinque centesimi. A nove anni ho incontrato mio padre per la prima volta... a Hong Kong, e qualcosa dentro di me diceva che dovevo seguirlo. Così mi sono trasferito a Hong Kong ed è stato un enorme shock culturale. Sono rimasto lì sino al 1997 circa. Ho iniziato ad approfondire la conoscenza della cultura cinese e ho studiato il cantonese. Frequentavo la scuola internazionale e ho conosciuto ragazzi che arrivavano da ogni parte del mondo. Hong Kong mi ha mostrato culture e prospettive diverse e mi ha aperto gli occhi sulla globalità.

Nel '97 e nel '98 sono stato, rispettivamente, per un certo periodo a New York e a Vancouver. Così arriviamo al '99, quando trascorro l'estate a Hong Kong. Per puro caso, in un locale (all'epoca avevo diciannove anni, quindi era normale che li frequentassi [risate]) sono stato selezionato per partecipare a uno spot pubblicitario. Ho girato lo spot e poi, guarda caso, Jackie Chan mi ha chiamato e mi ha scritturato. In questo modo sono entrato nel settore dell'intrattenimento. Ho girato il mio primo film e da un giorno all'altro sono diventato una celebrità. Non sapevo bene come prenderla. È stato sconvolgente. In un certo qual modo mi ero abituato a quella cultura, ma ciò che non mi piaceva era la sensazione di non avere diritti come persona. Mi sentivo un pezzo di carne.


2-Edison-Chen-TopCreator-Editorial-SingleImage

Ho finito il mio secondo film e la società che gestiva la mia immagine mi ha venduto per 2.500.000 dollari. L'ho scoperto durante una conferenza stampa. Hanno detto che potevano fare di me quello che volevano. E io ho detto: "Ok, su 2.500.000 dollari, qual è la mia parte?" Non ho ricevuto nulla.

È stato un momento molto importante. Così ho detto loro: "Non sono di vostra proprietà e non potete dirmi cosa fare. E vi sfido a trovarmi…" e sono venuto in Giappone. Sono arrivato in Giappone, in Asia ero già considerato un rubacuori o qualcosa del genere, e molte delle persone che consideravo come i miei idoli, e oggi sono miei amici, mi hanno chiesto: "Cosa ci fai qui per così tanto tempo? Stai girando un film? Ho spiegato la situazione e mi hanno detto: "Ehi, sai cosa? Abbiamo bisogno di qualcuno come te per promuovere la cultura giovanile in Cina". Così sono tornato a Hong Kong e ho fondato Clot e Juice, due realtà totalmente mie e indipendenti. Sono diventato libero. È stato allora che ho sentito di avere il controllo su chi e cosa sarei diventato.

Nel 2008, per un capriccio, ho lasciato l'Asia letteralmente da un giorno all'altro. Ho deciso di trasferirmi a Los Angeles, che da allora è la mia casa. Sono molto grato alla città. Ho creato un'intera rete di ottimi amici lì. E molte di queste persone, quando le ho incontrate per la prima volta, non avevano idea di cosa facessi. Quindi, in teoria, la celebrità era andata perduta e questa cosa mi piaceva molto. Mi piaceva essere di nuovo un ragazzo qualunque. Vivendo a Los Angeles sono stato catapultato in un mondo completamente diverso. Ho acquisito una nuova coscienza di me stesso, un nuovo senso della passione. Ho scoperto un nuovo senso di gruppo e comunità, e ho sentito di poter fare davvero ciò che volevo.

3-Edison-Chen-TopCreator-Editorial-SingleImage

Parliamo del ruolo che sembra tu abbia adottato: quello di ambasciatore globale non ufficiale della cultura giovanile cinese.

In qualche modo, sono diventato proprio quello. Non avevo intenzione di diventarlo, ma molte persone dicono che sono il divulgatore della cultura cinese, che è bello che io metta la tradizione e la cultura nelle mie creazioni, ma l'ho fatto davvero inconsapevolmente e poi ne sono diventato l'ambasciatore.

"Molti dicono che lo faccio per la cultura cinese. Ma non è così, lo faccio per la cultura. Non faccio scarpe per i cinesi; faccio scarpe per il mondo pensando con un processo di pensiero cinese".

Operando da Los Angeles e stando lontano dalla Cina per alcuni anni, tornando indietro, come ti sembra che siano cambiate le cose?

Non sono tornato in Cina per tutto il periodo della pandemia. Una volta rientrato, ho visto le persone esprimersi e mi sono detto: "Wow, voglio farne parte". Prima dicevo alle persone che la Cina era indietro di 5-8 anni (non era un'allusione negativa, ma molto innocente e interessante) e ora sento che sono pronti per iniziare a fare qualcosa. Cinque anni fa non si vestivano nemmeno come volevano, e il modo più semplice per iniziare a rompere questo guscio è trovare il proprio spazio nella moda, perché si può dire qualcosa senza dire nulla.

Quindi, il primo passo è stato fatto e sento di aver contribuito. Il passo successivo è aiutarli a capire e completare i loro pensieri, per poi presentarli al mondo. Ecco perché ho detto che dopo questo ventesimo anno sono più entusiasta che mai. Ora sto cercando di trovare il prossimo Edison Chen, la prossima persona che darà una spinta alla cultura. Con adidas stiamo realizzando una cosa chiamata Submission Box in Cina. Ho detto: "Ascoltate, voi avete una piattaforma, facciamo qualcosa... mi piace poter far mettere in mostra questi nuovi ragazzi a livello internazionale, penso sia molto importante anche per il mercato internazionale.

Molti dicono che lo faccio per la cultura cinese. Ma non è così, lo faccio per la cultura. Non faccio scarpe per i cinesi; faccio scarpe per il mondo pensando con un processo di pensiero cinese.


4-Edison-Chen-TopCreator-Editorial-SingleImage

"Quando tutti dicono di essere street, devi trovare una strada diversa".

Siamo molto contenti di riaverti tra noi. In vista della nuova stagione, come diresti che la tua estetica e il tuo approccio sono cambiati in questo nuovo capitolo di EDC e adidas?

Credo che la mia estetica sia completamente cambiata. Forse non oggi, perché sono in tenuta da aeroporto, ma i miei gusti sono maturati e la mia visione è diversa.

Ho trascorso un'intera estate in Europa, visitando tante piccole città e portando con me un patrimonio immenso. L'Europa mi ha dato una palette di colori completamente diversa e mi ha ispirato in modo totalmente nuovo. Penso che il nuovo stile EDC sia più chic e non solo street. Siamo a un punto in cui la street è tutto, giusto? McDonald's è street, per esempio. Davvero? Wow, che figata. Mi sta bene. Louis Vuitton è street, chi se lo immaginava? Quindi, quando tutti dicono di essere street, devi trovare una strada diversa.



SCOPRI DI PIÙ SULLA COLLABORAZIONE ADID AS ORIGINALS CON EDISON CHEN

adidas / dicembre 2023