alert-erroralert-infoalert-successalert-warningbroken-imagecheckmarkcontact-emailcontact-phonecustomizationforbiddenlockedpersonalisation-flagpersonalizationrating-activerating-inactivesize-guidetooltipusp-checkmarkIcons/Communication/USP/Cash-deliveryIcons/Communication/USP/Delivery-eveningIcons/Communication/USP/Delivery-same-dayIcons/Communication/USP/Delivery-storeusp-deliveryIcons/Communication/USP/Exchangeusp-free-returnsIcons/Communication/USP/Gift-cardIcons/Communication/USP/KlarnaIcons/Communication/USP/Salearrow-backarrow-downarrow-left-longarrow-leftarrow-right-longarrow-rightarrow-upbag-activebag-inactivecalendar-activecalendar-inactivechatcheckbox-checkmarkcheckmark-fullclipboardclosecross-smalldownloaddropdowneditexpandhamburgerhide-activehide-inactivelocate-targetlockminusnotification-activenotification-inactivepause-shadowpausepin-smallpinplay-shadowplayplusprofilereloadsearchsharewishlist-activewishlist-inactivezoom-outzoomfacebookgoogleinstagram-filledinstagrammessenger-blackmessenger-colorpinterestruntastictwittervkwhatsappyahooyoutube
adidas

BRING YOUR ALL

Quando alcuni non credevano più in Serge Gnabry, lui ha visto la possibilità di esprimere il suo talento.

POTENZIALE NASCOSTO

Qualche anno fa, la carriera di Serge Gnabry è stata sull'orlo di una conclusione prematura. Era il 2015 e secondo i detrattori l'ala non aveva ancora raggiunto un livello soddisfacente. In realtà, Serge doveva ancora scoprire il suo vero potenziale.

LA SCINTILLA DECISIVA

Le critiche sono state forse la scintilla di cui Serge aveva bisogno per innescare il proprio talento. Nel corso di quella stagione condizionata dagli infortuni ha giocato solamente 12 minuti. Una differenza incredibile rispetto a quello che ci si aspettava dal giovane promettente che aveva esordito a soli 17 anni. In realtà, ammette che già a quel tempo la sua strada era in salita.

I PRODOTTI DI SERGE

LA STRADA VERSO IL SUCCESSO

"Non mi trovavo nel mio solito ambiente", racconta Serge, che ha iniziato a dedicarsi al calcio e allo sprint nella città natale di Stoccarda. "A 16 anni ho lasciato la mia famiglia e mi sono trasferito. Ero molto giovane e ho dovuto affrontare una nuova realtà e un nuovo paese." Spostarsi nuovamente quattro anni dopo è stata un'altra sfida, ma aver superato queste difficoltà si è poi rivelato il segreto del suo successo.

"La mia carriera è stata influenzata sia dagli alti che dai bassi che caratterizzano il calcio."

Serge Gnabry

Il calciatore venticinquenne spiega: "Quando ti trovi in una città a cui non sei abituato, circondato da persone che non conosci e che parlano una lingua con cui non ti senti a tuo agio, devi trovare il modo di emergere." E Serge c'è sicuramente riuscito, fino ad arrivare al club più titolato di Germania, il Bayern Monaco, che ha aiutato con prestazioni eccellenti a conquistare tre trofei in un'unica stagione.

ESALTARSI NELLE DIFFICOLTÀ

Riflettendo sui suoi momenti difficili e sul successo raggiunto in seguito, Serge spera che possano essere un'ispirazione per le nuove generazioni che si affacciano a questo sport. "La mia vita è stata plasmata da numerose influenze", spiega riferendosi non soltando alle sue radici ma anche al supporto della sua famiglia e ad altre presenze positive nel suo passato.

COGLIERE LE OPPORTUNITÀ

Il messaggio che la stella della nazionale tedesca vuole mandare è che non importa in che momento ci si possa trovare, dando tutto si riuscirà sempre a fare un passo avanti. "Il nostro futuro inizia quando sfruttiamo le opportunità", spiega Serge. Restare aperti a nuove possibilità e dedicarsi con determinazione alla ricerca di occasioni di crescita è la chiave per arrivare al top.

"Ora è il momento di dimostrare la mia gratitudine."

Serge Gnabry